La nostra storia

Orthopaedics Onlus comprende numerosi professionisti che hanno avuto diverse esperienze nel mondo del volontariato. L’azione diretta di Orthopaedics ONLUS è iniziata nel 1999 quando Alessandro e Cesare Faldini, ortopedici e Cesarina Grugni, anestesista, si sono recati per la prima volta presso il Mlali Children Hospal in Tanzania, come medici volontari.

Da quella prima spedizione è iniziata una attività costante presso il Mlali Children Hospital a Mlali, Tanzania, nella cui sala operatoria ogni spedizione venivano operati circa 30 bambini con deformità ortopediche. Considerndo le necessità logistiche di sostegno alla chirurgia, nel

2002 è stata fondata l’associazione Orthopaedics che è stata riconosciuta come ONLUS nel 2003.

Al lavoro di volontari per fare interventi di ortopedia si è affiancata la logistica, con raccolta di materiale da inviare presso la Sala Operatoria dell’ospedale Tanzano.

E’ stato fondato il magazzino di Orthopaedics ONLUS, per la raccolta del materiale e la preparazione dei container da spedire.

Oltre al progetto Tanzania (il primo, iniziato nel 1999 e tuttora attivo) che prevede 2 o 3 spedizioni all’anno Orthopaedics ONLUS negli anni ha aderito ad altri progetti di volontariato di chirurgia ortopedica.

Nel 2003 Guyana Inglese in collaborazione con AIFO, per insegnare ai Chirurghi locali ad impiantare le protesi d’anca.

Nel 2005-2007 in Togo, presso l’ospedale St. Jean de Dieu a Afagnan in Togo, per affiancare il chirurgo generale dell’ospedale ed insegnare la chirurgia ortopedica.

Dal 2007 a oggi in collaborazione con ANLADI ONLUS presso l’Halibet Hospital di Asmara in Eritrea ad affiancare i chirurghi ortopedici locali.

Dal 2008 a oggi presso l’ospedale di Bafut Pamenda, ad affiancare il chirurgo locale negli interventi di ortopedia.

In 10 anni di attività Orthopaedics Onlus ha organizzato 26 spedizioni ed eseguito più di 1200 interventi di chirurgia ortopedica in paesi in via di sviluppo. In molti ospedali ha formato personale locale in grado di operare in autonomia anche in assenza dei volontari.